Accademia di Belle Arti di Bologna: visita guidata
9014
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-9014,bridge-core-3.1.1,,qode-title-hidden,qode_grid_1200,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-30.0.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-7.4,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-10
Accademia big 2

Accademia di Belle Arti di Bologna: l’arte di insegnare l’arte

Visita guidata eccezionale all’interno di un prestigioso istituto raramente accessibile

 

24/02/2024 | Ore 11.00

 

Una visita guidata con le guide turistiche di Mirarte alla scoperta del patrimonio artistico e culturale di Bologna e del suo territorio

Potremmo dire che l’Accademia di Belle Arti di Bolgona è “nata” più volte, in luoghi e con nomi diversi.

 

Era il 1710 quando si organizzò la cerimonia d’apertura dell’Accademia in casa Marsili, in San Mamolo, mentre era il 1712 quando fu nuovamente inaugurata in Palazzo Poggi, palazzo acquisito dal Senato per accogliere l’Istituto delle Scienze di cui Marsili fu fondatore.

L’ideologo dell’Accademia, al tempo detta Clementina, fu Giampiero Zanotti che già nel 1706 convocò un gran numero di artisti in casa del conte Pietro Ercole Fava dove molti pittori già studiavano gli affreschi dei Carracci e presentò la sua idea sulla creazione di una pubblica accademia.

 

Nel 1804, abbandonando la sede di Palazzo Poggi, nacque l’Accademia “riformata” nell’ex collegio gesuitico dove attualmente si trova, in via delle Belle Arti.

Fin dagli inizi molte personalità di spicco d’Europa entrarono in contatto con questa nuova realtà: Giacomo III Stuart in visita nel 1728 e il duca Pietro di Curlandia da cui prende il nome il premio Curlandese in occasione della sua visita a Bologna nel 1785 per citarne alcuni.

Cosa può offrirci oggi la visita alla sede di questa sìprestigiosa istituzione? E’ presto detto, bellezza, meraviglia, scoperte ed emozioni.

 

Non solo la storia dell’Accademia merita di essere narrata, non solo citeremo alcuni illustrissimi artisti e studiosi che hanno fatto grande questa scuola, sarà anche la bellezza dei suoi interni, la preziosa gipsoteca composta da copie di alcuni eccellenti capolavori di tutti i tempi tratti da originale e preziosissime.

 

 

Sarà per la scoperta dei famosi “premi”, primo tra tutti quello Curlandese, sarà, ne sono certa, per l’emozione di trovarsi faccia a faccia con le formelle di Jacopo della Quercia, del suo portale e che potremo ammirare grazie alla loro perfetta conservazione.

 

Furono realizzate per l’agio dei tanti studenti di scultura che sono transitati da questo istituto, hanno certamente incantato me fin da quando, studentessa, mi aggiravo tra queste mura.

 

 

La visita in Accademia ha un forte sapore di esclusività trattandosi di un istituto in piena attività. Noi saremo comunque tra coloro che potranno ammirare la grande galleria centrale, l’Aula Magna, la Sala Clementina e la saletta Curlandese.

 

 

 

 

 

 

Logo Mirarte

MIRARTE è social! Seguici sui nostri canali facebook instagram per rimanere sempre aggiornato sugli eventi!

GIORNO

Sabato, 24 febbraio 2024

ORE

11.00

RITROVO

Via delle Belle Arti 54

COSTO

€ 18

COSA INCLUDE

Visita guidata + radioguide

GUIDE

Monica Fiumi

DURATA

1h30

LINGUA

Italiano

Hai bisogno di aiuto con la prenotazione?

L’assistenza clienti risponde per email all’indirizzo mirartecoop@gmail.com

Termini di cancellazione delle prenotazioni

  • Cancella gratuitamente la tua prenotazione fino a 72 ore prima della visita
  • Rimborso del 50% se la cancellazione avviene tra 72 e 24 ore prima della visita
  • Nessun rimborso se la cancellazione avviene nelle 24 ore precedenti la visita

Per ulteriori informazioni sui termini di cancellazione leggi “Termini e Condizioni” in fase di prenotazione.