Art City > Palazzo Malvezzi tra arte e Risorgimento
8975
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-8975,bridge-core-3.1.1,,qode-title-hidden,qode_grid_1200,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-30.0.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-7.6,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-10
Malvezzi big

ART CITY > Palazzo Malvezzi, tra arte e Risorgimento | Visita guidata al palazzo e all’esposizione in occasione di ART CITY

Visita guidata ad uno dei nobili palazzi bolognesi

 

03/02/2024 | ore 17.15

 

 

Una visita guidata accompagnati dalle guide turistiche di Mirarte alla scoperta dell’inesauribile patrimonio storico e culturale della città di Bologna.

Dall’1 al 4 febbraio 2024 torna, per la dodicesima edizione, ART CITY Bologna, il programma di mostre, eventi e iniziative in occasione di Arte Fiera, che quest’anno compie 50 anni. Come di consueto nei giorni di ART CITY Bologna, sarà l’intera città a farsi palcoscenico per la cultura contemporanea.

 

In questa occasione Mirarte organizza una visita a palazzo Malvezzi – sede di una delle esposizioni in città – e ne approfitta per scoprire un palazzo difficilmente visitabile.

 

 

Il monumentale palazzo Malvezzi de’ Medici fu fatto costruire dalla vedova di Giovanni di Bartolomeo Malvezzi, a partire dal 1560 su progetto di Bartolomeo Triachini, uno dei più rappresentativi architetti del maturo ‘500 bolognese. Nel 1725 il marchese Giuseppe Maria Malvezzi de’ Medici fece realizzare il maestoso scalone d’onore su disegno dei Bibiena e sotto la direzione di Alfonso Torreggiani e cinque anni dopo fece restaurare il portico esterno.

 

Gli ambienti interni, soprattutto al piano nobile, furono totalmente ripensati alla metà del secolo XIX per volontà di Giovanni Malvezzi de’ Medici, che ne affidò la realizzazione allo scenografo teatrale Francesco Cocchi.

 

Nei suoi numerosi soggiorni di lavoro nel Nord Europae aveva maturato un gusto eclettico classificabile tra i pochi esempi bolognesi di quel Neorococò di ispirazione sabauda, che avrebbe presto caratterizzato le dimore aristocratiche del Regno.

 

La nuova decorazione del piano nobile esibiva un lustro scenografico pensato per ospitare feste e convivi proprio nelle sale che avevano ospitato invece uno dei salotti letterari più cólti e raffinati della città, quello tenuto dalla contessa Teresa, madre dello stesso Giovanni, appassionata di letteratura e ospite illuminata, tra molti altri intellettuali dell’epoca, di Vincenzo Monti e Giacomo Leopardi.

 

L’appartamento al piano nobile di Palazzo Malvezzi venne inaugurato nel febbraio 1854 con un grande ballo voluto dal conte Giovanni, il quale negli anni successivi fu anche eletto consigliere della nuova Provincia istituita con l’Unità d’Italia.

 

 

Dal 1931 il palazzo – venduto da Aldobrandino Malvezzi, professore all’Università di Firenze – diventa sede della Provincia di Bologna. Oggi Città Metropolitana.

 

Si ringrazia Guido Barbi per le foto visita il sito

Logo Mirarte

MIRARTE è social! Seguici sui nostri canali facebook instagram per rimanere sempre aggiornato sugli eventi!

GIORNO

Sabato, 03 febbraio 2024

ORA

17.15

RITROVO

via Zamboni 13

COSTO

intero € 15,00

ridotto € 10.00 (possessori Card Cultura e Bologna Welcome Card; bambini dai 6 ai 12 anni compiuti)

COSA INCLUDE

Visita guidata + accesso palazzo

GUIDA

Ilaria Francia

DURATA

1h30

Hai bisogno di aiuto con la prenotazione?

L’assistenza clienti risponde per email all’indirizzo mirartecoop@gmail.com

Termini di cancellazione delle prenotazioni

  • Cancella gratuitamente la tua prenotazione fino a 72 ore prima della visita
  • Rimborso del 50% se la cancellazione avviene tra 72 e 24 ore prima della visita
  • Nessun rimborso se la cancellazione avviene nelle 24 ore precedenti la visita.

**Il rimborso è emesso come buono-acquisto utilizzabile su mirartecoop.it