Il complesso dei Filippini: la Madonna di Galliera e l'Oratorio - in presenza
1231
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-1231,bridge-core-2.8.6,,qode-title-hidden,qode_grid_1200,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-27.0,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-10
mirarte-tour-presenza-filippini-big

Il complesso dei Filippini: la Madonna di Galliera e l’Oratorio – Tour in presenza

22/05/21 ore 15.00

 

La visita guidata in presenza

La Chiesa è nota come la “Madonna di Galliera” poiché sorse su via Manzoni, che all’epoca si chiamava ancora Via Galliera, sul luogo in cui l’immagine miracolosa era stata dipinta sul muro del portico e solo successivamente traslocata all’interno della chiesa quattrocentesca.

Questa struttura e le case circostanti nel 1621 diventarono proprietà dei Padri Filippini che la ricostruirono lasciando alcuni interessanti rilievi architettonici da rileggere.

Attraverso la porta originaria d’inizio Cinquecento, si accede all’interno della splendida testimonianza barocca in cui la navata unica mostra affreschi del miglior Sansone (Giuseppe Marchesi) che sui bordi delle tre cupole racconta la spiritualità di S. Filippo Neri.

Nelle cappelle laterali si conservano importanti opere artistiche: dalle pitture di Marcantonio Franceschini alla pala d’altare del Guercino e dalle statue dei più abili plasticatori del periodo a Francesco Galli Bibiena che progetta il monumentale arco trionfale dell’altare maggiore.

La Sagrestia venne realizzata nel 1682, è uno scrigno d’arte di competenza della Prefettura poiché la Chiesa stessa è un immobile del Ministero degli Interni: custodisce opere che dovevano educare i novizi alla fede tramite l’arte, così le opere dell’Accademia privata di Ettore Ghisilieri vennero da lui donate alla Congregazione.

Superata anche la spoliazione dei Francesi che dimezzarono il patrimonio artistico, restano comunque opere di Lorenzo Pasinelli, Giovanni Andrea Sirani e di sua figlia Elisabetta, del Cittadini autore noto per le sue nature morte con splendidi fiori.

L’Oratorio progettato da Alfonso Torreggiani fu inaugurato nell’agosto del 1733.

Bombardato nel 1944, è stato recuperato nel 2000 con un intervento teso a consolidare ciò che restava ed a mostrare una particolare fattibilità di restauro della cupola e delle volte.

La visita del complesso riserva accessi inusuali che la renderanno particolarmente interessante.

GIORNO

Sabato, 22 maggio 2021

ORA

15:00

RITROVO

Via Manzoni 3, Bologna (davanti alla Chiesa)

QUOTA

€ 15,00

COSA INCLUDE

visita guidata, radioguide e ingresso

GUIDA

Laura Franchi

DURATA

1h30

LINGUA

Italiano

PARCHEGGIO

Garage San Pietro, Via Carbonara 2 Bologna

TOILETTE

No

FOTO

ACCESSIBILITÀ

No

METEO

La visita si terrà anche in caso di maltempo

Distanziamento e norme Covid

Per garantire la distanza di sicurezza interpersonale di almeno fin metro tutte le visite prevedono l’utilizzo del sistema di microfonaggio sanificato e di auricolare sterile

Hai bisogno di aiuto con la prenotazione?

L’assistenza clienti risponde per l’email all’indirizzo mirartecoop@gmail.com

Termini di cancellazione delle prenotazioni

  • Cancella gratuitamente la tua prenotazione fino a 72 ore prima della visita
  • Rimborso del 50% se la cancellazione avviene tra 72 e 24 ore prima della visita
  • Nessun rimborso se la cancellazione avviene nelle 24 ore precedenti la visita

Per ulteriori informazioni sui termini di cancellazione leggi “Termini e Condizioni” in fase di prenotazione.