Le dimore dei signori: Villa Beatrice e aperitivo
9204
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-9204,bridge-core-3.1.1,,qode-title-hidden,qode_grid_1200,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-30.0.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-7.7.2,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-10
Beatrice big

Le dimore dei signori: Villa Beatrice e aperitivo

Secondo appuntamento alla scoperta delle spettacolari atmosfere della “Bassa”

 

09/08/24 | ore 19.00 (orario modificato)

 

 

Una visita guidata accompagnati dalle guide turistiche di Mirarte alla scoperta dell’inesauribile patrimonio storico e culturale del territorio bolognese.

Questo prestigioso edificio, risalente alla seconda metà del ’500, venne costruito dalla famiglia senatoria bolognese degli Angelelli.

Passò in seguito a vari proprietari, tra cui la famiglia Zambeccari, di cui si conservano motivi araldici negli affreschi.

 

Nell’800 venne acquistata dalla famiglia Facchini, il cui ultimo proprietario, Alessandro, la donò al Ricovero di Mendicità di Bologna (oggi Istituto Giovanni XXIII); dal 1996 è proprietà del Comune di Argelato.

 

Il nucleo centrale, risalente alla seconda metà del XVI secolo, risulta affiancato da due ali laterali che delimitano cortili interni.

L’interno conserva importanti decorazioni attribuite in parte al noto decoratore Cesare Baglione e in parte ad un artista  che fu pure attivo nella Villa Sampieri Talon a Volta Reno.

 

I soggetti dipinti hanno caratteri moralistici e tendono probabilmente a ricordare iniziative a sfondo religioso o culturale di qualche membro della proprietà.

 

 

La denominazione “Villa Beatrice” vuole ricordare la Contessa Beatrice Lanzi Facchini, moglie di uno degli ultimi proprietari della villa, Enea Facchini, scomparsa  nel 1884 e ricordata in una lapide collocata sopra la porta della piccola cappella che si trova all’interno dell’edificio, recentemente restaurata.

 

La villa è composta dal piano terra riservato agli ambienti di servizio (cucine, tinello, pozzi ecc.), dal primo piano (piano nobile), abitazione ufficiale dei signori e luogo di ricevimento e di rappresentanza, e dal secondo piano, generalmente utilizzato per il riposo e il disimpegno.

 

 

Anche il giardino circostante ha particolari caratteristiche e comprende la collinetta-conserva; un tempo vi era pure collocata una peschiera

La disposizione degli alberi e della vegetazione venne studiata appositamente, secondo le tecniche rinascimentali, per accentuare lo sbalzo termico tra le due zone del giardino creando un microclima che provocava correnti e brezze d’aria tra le stanze della villa.

 

Finiremo la visita con una merenda sfiziosa

grazie come sempre a Guido Barbi per le foto, qui il suo articolo dedicato a Villa Beatrice

Logo Mirarte

MIRARTE è social! Seguici sui nostri canali facebook instagram per rimanere sempre aggiornato sugli eventi!

GIORNO

Venerdì, 9 agosto 2024

ORA

19.00 (orario modificato)

RITROVO

davanti alla Villa, via Degli Aceri 12, 40050 Argelato (BO)

QUOTA DI PARTECIPAZIONE

€ 20,00

COSA INCLUDE

Visita guidata + ingressi + radiocuffie

GUIDA

Michela MiCa Cadamuro

DURATA

2h

Hai bisogno di aiuto con la prenotazione?

L’assistenza clienti risponde per email all’indirizzo mirartecoop@gmail.com

Termini di cancellazione delle prenotazioni

  • Cancella gratuitamente la tua prenotazione fino a 72 ore prima della visita *
  • Rimborso del 50% se la cancellazione avviene tra 72 e 24 ore prima della visita *
  • Nessun rimborso se la cancellazione avviene nelle 24 ore precedenti la visita.

* Il rimborso è emesso come buono-acquisto utilizzabile su mirartecoop.it