Visita Guidata | Palazzo Pepoli Campogrande e Quadreria Zambeccari
6043
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-6043,bridge-core-2.8.6,,qode-title-hidden,qode_grid_1200,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-27.0,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode-wpml-enabled,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-10
Palazzo Pepoli

Cieli barocchi: Palazzo Pepoli Campogrande e la Quadreria Zambeccari

Visita guidata  ad palazzo ricco di splendidi soffitti

19/03/2022 | Ore 16.00

 

Una visita guidata con le guide turistiche di Mirarte alla scoperta del patrimonio artistico e culturale di Bologna e del suo territorio

A due passi dalle Due Torri lo straordinario palazzo “nuovo” della storica famiglia dei Pepoli.

Fin da tempo immemore, questa potente famiglia aveva  le sue case lungo l’odierna via Castiglione. L’espansione economica e l’esigenza di un palazzo più “moderno” portarono, nel 1653 alla costruzione di un nuovo edificio sulle case dei Sampieri e dei Manzoli, ad opera di Odoardo PepoliL’edificio fu completato nel 1710.

 

Palazzo PepoliI SOFFITTI

I soffitti del palazzo sono magnificamente affrescati con scene caratterizzate da geniali sfondati prospettici, la grande arte pittorica bolognese della fine del XVII.
Nello scalone ci accoglie 
Domenica Maria Canuti con “I Fasti della Famiglia Pepoli“, che esalta la figura di Taddeo Pepoli, Signore della città di Bologna nel 1337.
Il Salone delle Feste, ancora decorato dal Canuti (pittore protetto dalla famiglia Pepoli e in particolare da Taddeo, priore di S. Michele in Bosco che gli commissionerà i bellissimi dipinti di questa chiesa) esalta invece la figura di Ercole, il self made man dell’antichità, l’uomo che ha costruito da solo la propria fortuna fino a diventare divino, proprio come i Pepoli.
Nascosta sapientemente nel Salone, troviamo anche una bella Cappella per le preghiere della famiglia, dipinta da Enrico Haffner e con una bella pala d’altare, sempre del Canuti.
La Sala di Felsina fu invece affidata ai fratelli Rolli, che rappresentarono le virtù che avevano ispirato i Pepoli nella gestione della città: Giustizia, Aristocrazia, Fortezza, Felicità Pubblica, Prudenza, e tante alte.

Le sale successive, quella delle 4 Stagioni e quella dell’Olimpo dimostrano l’estro geniale e irriverente di Giuseppe Maria Crespi che lasciò sconcertati i bolognesi, abituati ad esiti più classici e composti. I dipinti furono commissionati da Ercole Pepoli che ben aveva compreso la novità portata da questo pittore ma il suo successore, Alessandro, giunse a pensare di distruggere questi soffitti così “scandalosi”. I bei dipinti del Crespi si salvarono solo grazie all’intervento del potente Ferdinando De Medici, protettore del pittore troppo innovativo.
L’ultima sala, invece, ci ripropone Domenica Maria Canuti che omaggia il committente, il già citato Alessandro, paragonandolo al grande Alessandro Magno.

 

Quadreria ZambeccariLA QUADRERIA ZAMBECCARI

La collezione Zambeccari iniziò con la fortuna della famiglia, dopo il ‘500 ma la maggior parte delle opere venne commissionata o acquistata da Camillo nella metà del ‘600. Contenendo anche opere di Calvaert, Ludovico Carracci, Tiarini e del Guercino, era elencata tra le grandi collezioni delle famiglie bolognesi, insieme alla Ranuzzi, all’Hercolani e alla Tanari

Giacomo Zambeccari, morto nel 1795 nel palazzo di rimpetto a San Paolo Maggiore scrisse nel suo testamento che al quadreria non poteva essere venduta, doveva essere accessibile ai bolognesi che volessero visitarla, non si doveva abitare nelle sale della quadreria per non rovinare le pitture col fumo di candele e bracieri ma gli eredi disattesero queste indicazioni vendendo molti dei quadri più famosi.

 

Palazzo PepoliSolo nella seconda metà dell’800 si riuscì ad imporre agli eredi la consegna di ciò che rimaneva della bella collezione all’Accademia di Belle Arti, erede dell’Accademia Clementina. La collezione, nel 1884, divenne parte della Regia Pinacoteca e ci permette di intravvedere la ricchezza e la complessità di queste collezioni che adornavano le pareti degli splendidi palazzo bolognesi.

Logo MirarteMIRARTE è social! Seguici sui nostri canali facebook instagram per rimanere sempre aggiornato sugli eventi!

GIORNO

Sabato, 19 marzo 2022

ORE

16.00

RITROVO

Ingresso del palazzo, via Castiglione 7

COSTO

17€ 

COSA INCLUDE

Visita guidata, ingressi e radioguide

GUIDA

Monica Fiumi

DURATA

90 minuti

LINGUA

Italiano

NOTE

Green Pass Obbligatorio
Mascherina FFP2 obbligatoria

Distanziamento e norme Covid

Per garantire la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, tutte le visite prevedono l’utilizzo del sistema di microfonaggio sanificato e di auricolare sterile.

Hai bisogno di aiuto con la prenotazione?

L’assistenza clienti risponde per email all’indirizzo mirartecoop@gmail.com

Termini di cancellazione delle prenotazioni

  • Cancella gratuitamente la tua prenotazione fino a 72 ore prima della visita
  • Rimborso del 50% se la cancellazione avviene tra 72 e 24 ore prima della visita
  • Nessun rimborso se la cancellazione avviene nelle 24 ore precedenti la visita

Per ulteriori informazioni sui termini di cancellazione leggi “Termini e Condizioni” in fase di prenotazione.