La Cripta di San Zama, un tesoro bolognese ritrovato | Visita Guidata
4501
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-4501,bridge-core-3.0.3,,qode-title-hidden,qode_grid_1200,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-29.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.10.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-10
Sito Mirarte LARGE (44)

La Cripta di San Zama: tesoro bolognese ritrovato

Visita guidata alla scoperta di uno dei luoghi cristiani più antichi della città di Bologna.

 

23/01/2022 | Ore 15.30

 

Una visita guidata con le guide turistiche di Mirarte alla scoperta del patrimonio artistico e culturale di Bologna e del suo territorio

La Cripta di San Zama è un’importantissima testimonianza della prima fase del cristianesimo a Bologna.

Strettamente legata alla cattedrale di San Pietro e al suggestivo complesso di Santo Stefano, la cripta in candida pietra è un esempio di riuso dei materiali: realizzata attorno al 1100, rintracciamo ancora i pezzi risalenti all’età romana incastonati nelle architetture.

 

san zamaAl cuore della cristianità bolognese

Durante il regno di Galieno, attorno al 270 d.C. San Zama crea un luogo di ritrovo e di culto per i cristiani fuori dall’area urbana, nei pressi della via Aemilia.

Durante le persecuzioni di Diocleziano (302-305 d.C.) i cristiani bolognesi vissero anni di paura ma con l’editto di Costantino del 313 poterono finalmente professare il loro culto liberamente. Il sacello voluto da San Zama diventò luogo di sepoltura dei vescovi.

 

Il complesso in età moderna

Dopo le soppressioni volute da Napoleone Bonaparte (1798), il convento divenne lazzaretto, poi casa di correzione e, dopo il 1868, Ospedale Militare.

Risparmiata dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale e restituita al pubblico alla fine del 2017 la Cripta di San Zama racconta l’antica e iniziale fase della religiosità bolognese, restituendoci un luogo di culto edificato attorno al 1100 su strutture preesistenti, utilizzando materiale risalente al VI-VIII secolo d.C. e decorato nella seconda metà del ‘700 da interessanti dipinti attribuiti alla scuola del Bigari.

GIORNO

Domenica, 23 gennaio 2022

ORE

15.30

RITROVO

Via dell’Abbadia 3

COSTO

€ 15

COSA INCLUDE

Visita guidata e radioguide

GUIDA

Michela Cavina

DURATA

90 minuti

LINGUA

Italiano

NOTE

SUPER GREEN PASS Obbligatorio

Distanziamento e norme Covid

Per garantire la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, tutte le visite prevedono l’utilizzo del sistema di microfonaggio sanificato e di auricolare sterile.

Hai bisogno di aiuto con la prenotazione?

L’assistenza clienti risponde per email all’indirizzo mirartecoop@gmail.com

Termini di cancellazione delle prenotazioni

  • Cancella gratuitamente la tua prenotazione fino a 72 ore prima della visita
  • Rimborso del 50% se la cancellazione avviene tra 72 e 24 ore prima della visita
  • Nessun rimborso se la cancellazione avviene nelle 24 ore precedenti la visita

Per ulteriori informazioni sui termini di cancellazione leggi “Termini e Condizioni” in fase di prenotazione.