Sant’Apollinare di Castelletto tra fede, arte e … cibo
9233
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-9233,bridge-core-3.1.1,,no_animation_on_touch,qode-title-hidden,qode_grid_1200,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-30.0.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-7.7.2,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-10
castelletto big

Sant’apollinare di Castelletto tra fede, arte e … cibo.

Una serata alternativa, una piacevole scoperta all’insegna del bello e del buon cibo

 

18/07/24 | ore 20.30

Replica

15/08/24 | ore 20.30

 

Visita guidata accompagnati dalle guide turistiche di Mirarte alla scoperta dell’inesauribile patrimonio storico e culturale della città di Bologna.

La chiesa di Sant’Apollinare di Serravalle, a Castelletto, sorge maestosamente su un vasto terrazzo fluviale, in un luogo anticamente noto come Stagnano.

Nei documenti storici, è indicata come Sant’Apollinare di Stagnano o “di Vallata”, per distinguerla da altre chiese con lo stesso nome situate in pianura o montagna.

 

 

Le origini bizantine della chiesa sono inconfutabili, legate alla presenza delle milizie romane dell’Esarcato.

Ricostruita in forme romaniche, di cui si conservano tracce,  orientata liturgicamente, con alcuni muri riutilizzati nella costruzione successiva, l’antico tempio presentava la facciata porticata e una torre campanaria addossata alla navata. Il complesso monastico includeva inoltre una torricella e due chiostri, chiamati Chiostro Grande e Chiostrino.

 

 

 

Alla fine del ‘500 la chiesa era in pessime condizioni e si decise di ricostruire tutto.

Così nacque l’attuale tempio, una delle più notevoli emergenze religiose della valle del Samoggia, rinomata per i suoi pregi architettonici e la ricchezza dei dettagli ornamentali.

Risalgono al 1857 gli affreschi  di Luigi Samoggia e le figure da Alessandro Guardassoni.

 

 

 

 

Tra le cappelle che si aprono lungo le fiancate, spiccano quelle di Santa Lucia e del Battistero.

La chiesa possiede numerose opere d’arte, tra cui dipinti di  Giuseppe Marchesi detto “il Sansone” e Giuseppe Varotti che qui ha lasciato numerose opere.

 

 

 

Ogni dettaglio, ogni affresco e ogni angolo raccontano una storia di devozione e arte, rendendo la chiesa di Sant’Apollinare un luogo imperdibile.

 

 

 

La serata si concluderà nel migliore dei modi: con  le gambe sotto un tavolo e in pancia un bicchier di vino, borlengo e tigella! Vai!!!!

GIORNO

giovedì 18 luglio, replica giovedì 15 agosto

ORA

20.30

RITROVO

davanti alla chiesa, via don F. Melloni – Valsamoggia BO -44.436519909641945, 11.057218019072378

COSTO

€ 23,00 + €5 offerta chiesa

COSA INCLUDE

visita guidata + radioguide + aperitivo finale

GUIDA

Monica Fiumi

DURATA

2h

Hai bisogno di aiuto con la prenotazione?

L’assistenza clienti risponde per l’email all’indirizzo mirartecoop@gmail.com

Termini di cancellazione delle prenotazioni

  • Cancella gratuitamente la tua prenotazione fino a 72 ore prima della visita
  • Rimborso del 50% se la cancellazione avviene tra 72 e 24 ore prima della visita
  • Nessun rimborso se la cancellazione avviene nelle 24 ore precedenti la visita

Per ulteriori informazioni sui termini di cancellazione leggi “Termini e Condizioni” in fase di prenotazione.