Tra Collezioni e Gallerie private. La pittura nel lungo Ottocento
9082
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-9082,bridge-core-3.1.1,,qode-title-hidden,qode_grid_1200,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-30.0.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-7.5,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-10
800 collezioni big

Tra Collezioni e Gallerie private | La pittura nel lungo Ottocento

Visita guidata a tre sedi espositive della mostra diffusa “La pittura a Bologna nel lungo Ottocento | 1796 – 1915” con la curatrice Isabella Stancari

 

14/04/24 | ore 15.30

 

Una visita guidata con le guide turistiche di Mirarte alla scoperta del patrimonio artistico e culturale di Bologna e del suo territorio

 

Parte la rassegna espositiva diffusa dedicata alla pittura felsinea dall’età napoleonica all’inizio della Grande Guerra, ideata e coordinata dal Settore Musei Civici Bologna attraverso il Museo civico del Risorgimento, a cura di ROBERTO MARTORELLI e ISABELLA STANCARI, guida di Mirarte!

 

Per ampiezza del percorso delineato, numero delle opere esposte e varietà di soggetti e luoghi coinvolti, si tratta della più ampia ricognizione monografica mai organizzata per presentare le origini e le evoluzioni della modernità artistica in ambito bolognese, e in particolare della produzione pittorica la cui presenza è dominante nella cultura figurativa del “lungo Ottocento”.

 

Sono oltre 600 le opere, di cui circa un centinaio mai esposto prima, proveniente dai depositi di istituzioni museali pubbliche e da collezioni private, di 80 artisti appartenenti a generazioni differenti, a essere visibili in 18 sedi (5 musei, 5 gallerie antiquarie, 3 fondazioni, 2 edifici di culto, un palazzo comunale, un teatro storico e un’associazione culturale) situati tra Bologna, Crespellano e San Giovanni in Persiceto.

 

Accompagnati da un0 dei curatori Isabella Stancari visiteremo tre sedi tra loro molto vicine: Collezioni Comunali d’Arte, Gallerie de’Fusari e Galleria del Caminetto

 

Figure e paesaggi dell’Ottocento alle Collezioni Comunali d’Arte
Alle sale permanenti dedicate a Pelagio Palagi ed al movimento Aemilia Ars si aggiungono opere che illustrano i premi accademici Curlandese e Baruzzi ed il tema del paesaggio. Opere inedite consentono di fare confronti tra soggetti ed artisti.

 

 

 

 

Anche Bologna! Quaranta dipinti dell’Ottocento bolognese
Una selezione di rarità. Di Luigi Bertelli una straordinaria veduta di Villa Malvezzi. Tra i quattro dipinti di Luigi Serra uno era considerato perduto, mentre di Lugi Busi, Raffaele Faccioli, Paolo Bedini e Alfonso Savini sono presenti otto creazioni. Del raro Carlo Legnani sono proposte opere che sorprenderanno anche i conoscitori più attenti. Leopoldo Bersani e Luigi Folli arricchiscono il percorso con dipinti di grandi dimensioni.

 

 

 

 

 

L’800 ritrovato: dipinti, disegni e sculture bolognesi dalla Restaurazione al primo ‘900
Ventisette opere che attraversano l’arte, dai paesaggi romantici di Giacomo Savini alle esperienze del Novecento di Carlo Corsi. Luigi Serra, Giovanni Paolo Bedini, Marius Pictor ed Alfredo Protti sono solo alcuni dei pittori selezionati. Tra le opere inedite il capolavoro giovanile di Cleto Capri, Alla finestra, del 1895. Un dialogo d’arte ancora più ricco grazie ad una selezione di sculture bolognesi.

Logo Mirarte

MIRARTE è social! Seguici sui nostri canali facebook instagram per rimanere sempre aggiornato sugli eventi!

GIORNO

Domenica, 14 aprile 2024

ORE

15.30

RITROVO

Galleria de’ Fusari, via De’ Fusari, 7/a

QUOTA DI PARTECIPAZIONE

€ 13,00 + €4 biglietto Collezioni Comunali d’Arte (gratuito possessori Card Cultura)

COSA INCLUDE

Visita guidata + Radioguide + ingressi

GUIDA

Isabella Stancari, co-curatrice della mostra

DURATA

2h

Hai bisogno di aiuto con la prenotazione?

L’assistenza clienti risponde per email all’indirizzo mirartecoop@gmail.com

Termini di cancellazione delle prenotazioni

  • Cancella gratuitamente la tua prenotazione fino a 72 ore prima della visita *
  • Rimborso del 50% se la cancellazione avviene tra 72 e 24 ore prima della visita *
  • Nessun rimborso se la cancellazione avviene nelle 24 ore precedenti la visita.

* Il rimborso è emesso come buono-acquisto utilizzabile su mirartecoop.it